Oggi e' 29.07.2014
Sei qui: Home arrow Archeologia Informatica arrow Sun arrow SparcClassic
SparcClassic PDF Stampa E-mail
Caratteristiche:

Cpu: 50 MHz Texas Instrument microSPARC (sun4m)

Memoria: 16 MB (max 96 MB SIMM)

Bus:  SBUS a 20 MHz - 2 slot

Data: Novembre 1992


la sparcclassic apertaLa SparcClassic fu concepita come una workstation UNIX professionale, ma dal costo contenuto. Nel Novembre ‘92, data del suo lancio, il prezzo di listino proposto da SUN per il sistema completo di monitor a colori 15'', era di 4.295 USD - un costo decisamente basso se pensiamo che aziende come NeXT e HP offrivano soluzioni equivalenti in performance ma al doppio del prezzo.

Il sistema racchiude una scheda video ad alta risoluzione (1024x768 pixel per default, ma può essere spinto fino a 1152x900), una scheda audio con line-in e line-out, un lettore floppy integrato da 1.44'', e una scheda Ethernet con un singolare connettore AUI proprietario SUN e un normalissimo connettore RJ 10BaseT. Nel piccolo case c’è ancora posto per un disco rigido SCSI da 207Mb, e altre periferiche di archiviazione dati possono essere aggiunte “a catena” attraverso un connettore SCSI che si trova sul retro della workstation. Al sistema si possono collegare tastiere sun-4 o sun-5 e ad esse, ovviamente, un mouse ottico.

Con la linea "Lunchbox" (letteralmente “la scatola del pranzo”), la SUN Microsystems intese fornire ai clienti workstation complete di tutti gli accessori in un chassis di dimensioni estremamente ridotte e dal design innovativo.  Le sue misure (25cm x 11cm x 27cm) e la sua forma squadrata anticipano di oltre 10 anni il moderno Mac Mini di Apple.
La forma delle periferiche, assolutamente coerente con quella della workstation, rende il sistema facilmente espansibile anche in termini di spazio: aggiungere un dispositivo si risolve in genere nell’aggiungere un “mattoncino” ad una sorta di torretta la cui base è rappresentata dalla SparcClassic stessa.

La SparcClassic della collezione di Verdebinario è dotata di due dischi rigidi esterni, un lettore cd (al quale manca purtroppo il caddy...) e un lettore di nastri magnetici.
Data la buona disponibiltà di spazio su disco, nelle fasi di recupero del sistema operativo abbiamo deciso di sperimentare una configurazione dual-boot. Le opzioni di avvio per “harlock” -questo il nome che abbiamo assegnato alla macchina- sono NetBSD/sparc 2.0.2 e Solaris 2.6.
Il primo sistema operativo è stato usato con successo nell’allestimento di una sala internet durante la scorsa  “festa delle Invasioni”, nel luglio 2005. Harlock è tornata a funzionare dopo un sonno durato anni nella vecchia villa comunale di Cosenza, collegata come terminale grafico a una moderna Linux box e allacciata ad internet attraverso un collegamento wi-fi...


solaris 2.6 in funzione

il sistema completo pronto per il dual-boot

il processore microsparc

il mouse ottico col suo "tappetino"


il retro della sparcclassic con i connettori in evidenza
 


Links:

NeXT challenged by SPARCclassic

la SparcClassic di Hugo Villeneuve
< Prec.